Cottura al vapore

Tipi di cottura dei cibi: cottura al vapore

image_pdfimage_print

Oggi parlerò di cottura al vapore.

Una cottura sana, dietetica, facile, veloce ed economica.

I motivi per cui cuocere al vapore.

  • Si evita l’aggiunta di grassi in cottura
  • Permette di lavare le stoviglie in maniera più semplice proprio perché si elimina l’uso dei grassi, olio e burro
  • Le proprietà delle verdure rimangono inalterate
  • È una cottura semplice e veloce
  • Fa bene e va bene per tutti

Grazie a questa cottura è possibile eliminare soffritti e qualunque tipo di olio cotto, questo perché non serve una base per evitare il problema che il cibo si attacchi.

Questo oltre che un indubbio vantaggio da un punto di vita della salute, ha anche un’altro vantaggio: la pulizia delle stoviglie.

Non occorre più lasciare padelle in ammollo per ore o usare la spugna in alluminio. Basterà lavarle bene disinfettandole con il minimo sforzo.

La cottura a vapore è una cottura dolce. Le proprietà del cibo e le sue vitamine e sali minerali subiscono una minima alterazione. Ovviamente questo se si cuoce l’alimento per il tempo minimo di cottura 🙂

È semplice. Basterà mettere l’alimento all’interno del cestello di cottura, verificarne la cottura di tanto in tanto e poi condire e gustare.

Come cuocere al vapore

Oggi ci sono tantissimi modi per cuocere al vapore, esistono addirittura dei forni che sono predisposti per questo metodo.

Ecco una breve carrellata dei vari strumenti per la cottura.

  • Pentola a pressione con cestello.
  • Casseruola con scolapasta
  • Pentola con cestello per cottura a vapore (sia in vetro che in metallo)
  • Cestelli di bambù cinesi.
  • Cestelli adattabili a diverse pentole.
  • Vaporiere professionali.
  • Forni a vapore

Tutti metodi di cottura sono facilissimi da utilizzare. Non ho mai personalmente usato la pentola a pressione (mi terrorizza 😀 )

Cottura al vapore

Cottura in padella con cestello in vetro

La casseruola con lo scolapasta e ovviamente il coperchio è un metodo tutto casalingo. Se non vuoi comperare una vaporiera o un cestello lo puoi usare senza problemi. Basta mettere uno scolapasta nella casseruola, mettere due/tre bicchieri di acqua e cuocere con il coperchio.

Attenzione che non si asciughi troppo l’acqua.

Un metodo economico ma più professionale dello scolapasta è il cestello. Si adatta a diverse pentole e sono facilissimi da usare. Il mio l’ho comperato da ikea a pochi euro.

La vaporiera in bambù…economica e la più naturale secondo me.

Si posiziona la colonna di cestelli o il cestello singolo sopra una pentola con lo stesso diametro. Si cuoce e poi si lava sotto l’acqua corrente.

Vaporiere elettriche. Ecco qui si apre un mondo.

Sicuramente è bene evitare la plastica. Ma per il resto sono tantissimi i modelli. Ottimi e con diverse caratteristiche. Alcune hanno contenitori per cuocere il riso o per aggiungere agrumi e spezie che profumino il cibo.

Vi lascio un link in cui si passano in rassegna diversi modelli, così potete farvi un’idea. 👉 http://www.vaporiera.eu/

Infine ci sono forni a vapore… e su questo non so proprio cosa dirti. 😀 Anzi se lo utilizzi fammi sapere come ti trovi!

Alimenti che si cuociono al vapore e tempi di cottura.

In rete ho trovato soprattutto articoli che si occupano della cottura delle verdure.

Ma in realtà sono tantissimi gli alimenti che si possono cuocere al vapore: riso, verdure, uova, carne, pesce, verdure, tortini, ravioli, legumi.

Cottura al vapore

Verdure cotte al vapore

La cottura al vapore delle verdure è facilissima. Molti suggeriscono di cuocere sempre insieme alimenti con una cottura simile. Secondo me invece è possibile fare delle verdure miste. Occorre avere solo l’accortezza di tagliare in maniera più grossolana le verdure che impiegano meno tempo e invece tagliare più finemente le altre.

La carne. Io personalmente cuocio spesso tacchino e pollo. Vengono bene. E condite a crudo con olio e sale sono veramente buone.

Cottura al vapore

Pollo cotto al vapore

Il pesce: orate, branzini, nasello, cernia, salmone, rombo ecc . Crostacei, scampi e gamberi. Qui è possibile sbizzarrirsi aromatizzando l’acqua e conferendo al pesce aromi particolari a fine cottura che permettono di evitare anche l’uso del sale. Sono in arrivo tante ricette per questa tipologia. Se usate pesce surgelato deve essere prima fatto scongelare completamente.

Uova. Basta uno stampino leggermente oleato, posizionarlo nel cestello coperto e in qualche minuto è cotto.

Il tempo medio della cottura per questi alimenti è di un quarto d’ora.

Questo tempo è relativo allo strumento utilizzato, la potenza della fiamma o della vaporiera elettrica. In base allo strumento sarai tu a dovere capire i tempi di cottura della tua macchina. Nelle vaporiere professionali elettriche sono disponibili i ricettari.

Il riso. La cottura al vapore si adatta bene ai risi di forma allungata: thai, basmati.

L’unica accortezza è quella di lavarli fino a quando l’acqua non sarà completamente chiara. Per evitare di ritrovarsi con il riso tutto attaccato è bene infatti eliminare l’amido.

Legumi. Meglio se freschi. I piselli vengono benissimo.

Per quanto riguarda i tortini presto farò una ricetta ad hoc per te! 🙂

Spero che questo articolo ti sia utile. 🙂

Continua a seguirmi qui e sui social.

 

A cura di Laura Roselli

Altri tipi di cottura:

Tipi di cottura dei cibi: cottura al cartoccio

Tipi di cottura dei cibi: Nitukè. Verdure saltate.

 

 

 

image_pdfimage_print

Lascia un Commento

author
Di Sano Bio e Gluten Free
Le ultime ricette
Ravioli senza glutine con ripieno di pesce
Biscotti al cioccolato senza glutine e vegan
Antipasto di gamberi su letto di crema avocado.
Gli ultimi articoli

Realizzazione siti web SH Web - 2017