Con questo freddo i Canederli sono quello che ci vogliono.

Buoni, caldi, e che mi ricordano tanto le belle montagne italiane.

Il Trentino in particolare, dove ho trascorso le mie vacanze estive a fine agosto.

Che ricordi meravigliosi nella Val Pusteria (presto scriverò un articolo).

canederli

Ma tornando a noi e alla ricetta che ne dite?

Ci vogliamo preparare questi deliziosa ricetta con speck del Trentino in un bel brodo fumante?

Io dico proprio di si 🙂

E poi in questa versione sono anche molto più leggeri perchè senza glutine e con il burro chiarificato.

Sono veramente golosi. E così…natalizi. Non trovate?

Come farina ho usato quella di grano saraceno che da un sapore molto rustico a questi canederli. E come pane (non raffermo) quello della conad, le fette rustiche.

La farina di cui vi lascio la foto è veramente eccezzionale. Di grandissima qualità.

grano-saraceno

Ho avuto occasione di provarla all’expo del senza glutine di Rimini e me ne sono innamorata.

Parliamo ora della preparazione dell’impasto.

Un trucco.

Se vedete che la consistenza non è lavorabile facilmente aggiungete due cucchiai di pangrattato.

Il sapore non cambia e avranno più consistenza.

-Le dosi sono per sette canederli di medie dimensioni.

Lasciate riposare il pane con il latte, ma attenzione. Non serve aspettare tanto, come invece capita nella ricetta tradizionale, perchè il pane che usiamo noi non sarà raffermo.

Infatti il pane senza glutine deperisce molto rapidamente. Usatelo fresco.

Il brodo.

Io ho fatto il brodo di carne ma voi lo potete fare anche di verdure.

Vi sconsiglio di usare il dado. Meglio un bel brodo fatto in casa senza tanti additivi.

Vi lascio alla ricetta con questa bella immagine del Lago di Braies. Che gente stupenda ho incontrato in Trentino.

Buoni Canederli a tutti ^_^

 

Il lago della favole. Braies.

Il lago della favole. Braies.

A cura di Laura Roselli