I carciofi trifolati in padella sono un contorno di una semplicità incredibile.

Leggero, sano e buono.

Io ho utilizzato pochissimo olio, anche se nella ricetta originale l’olio abbonderebbe.

In totale ho usato 3 cucchiai di olio: uno per il soffritto e due a crudo a fine cottura.


Ma lo sai che del carciofo non si butta via nulla?

Eh si. Il carciofo ha tantissime proprietà.

Fa bene soprattutto al fegato ed è ricchissimo di fibre, vitamine e sali minerali.

Per questo motivo sarebbe veramente un peccato scartarne delle parti.

Carciofi trifolati

Il gambo.

Eliminata la parte più dura e tolta la parte esterna, rimane il cuore del gambo. Io lo mangio anche così, è leggermente più dolce del fiore del carciofo ed è tenerissimo

Volendo lo si può accompagnare a del pinzimonio oppure in insalata con abbondante succo di limone.

Le foglie esterne.

Le foglie esterne sono preziosissime.


Puoi farne un infuso o un decotto per sfruttarne al massimo le proprietà disintossicanti.

Il tuo corpo ti ringrazierà!

Ma ora ti lascio direttamente alla ricetta dei carciofi trifolati e ti auguro buon appetito.

Carciofi trifolati

A cura di Laura Roselli