Oggi una ricetta super speciale: la frittata con i talli d’aglio.

Partiamo dalla domanda che molti di voi si staranno facendo? Cosa sono i talli d’aglio?

Allora vi spiego quello che ho capito io da profana, visto che non ho di certo una laurea in agronomia. I talli d’aglio sono i germogli della pianta dell’aglio, che ad un certo punto, durante la crescita, verso fine primavera, formano una specie di nodo, Qui la pianta viene incisa e viene staccato il tallo.

In questo modo l’aglio sottostante matura molto meglio e i contadini avevano qualcosa in più da portare in tavola.

Prima infatti era un alimento molto più usato e popolare perché, se si aveva nell’orto la pianta dell’aglio, e quasi tutti l’avevano, nulla andava sprecato.

Tutto si usava, ed era giusto così, non come ora che vogliamo solo frutta e verdura perfetta, sprecando la maggior parte del cibo.


Frittata con i talli d'aglio

Frittata con i talli d’aglio

Il sapore

I tali d’aglio hanno uno spiccato profumo di aglio ma sono più delicati.

Per smorzare il sapore vi consiglio sempre di bollirli per 2 minuti, in questo modo il piatto sarà decisamente più leggero.

Con questa meravigliosa verdura potete insaporire la pasta, saltarli con altre verdure, fare delle gustose frittate.


La mia frittata nel particolare, è una frittata con cui ho riciclato anche delle bietole cotte e ripassate in padella che avevo in frigo e che andavano consumate.

Al posto delle bietole vanno benissimo anche gli spinaci sbollentati, strizzati e tagliati finemente al coltello.

Ho aggiunto anche un meraviglioso formaggio di capra dolce che si abbinava in modo perfetto al tutto. Potete anche ometterlo.

Se avrete la fortuna di trovare i talli, provate questa ricetta, non ve ne pentirete, mi raccomando però non abusatene se soffrite di colite.

 

A cura di Laura Roselli