La piadina… nel mio caso la piadina senza glutine.

Ma parliamo della piadina…

Regina incontrastata della riviera romagnola!

Talmente sacrosanta che alle volte mi domando: ” Tra la romagna e la piadina chi è nata prima?”  🙂

Un dilemma  shakespeariano che mi turba e mi tormenta.

Ma torniamo a noi…perchè io, di dilemma, ne ho dovuto affrontare uno ancora più grave!

Eh! Si! Quando il dottore mi disse “Te mia cara il grano non lo puoi più mangiare!”

Lì…in quel momento, ho visto una piadina volteggiare e volare via. Nell’aria. E io rimanevo lì. Sola.

Pensando alle piadine mangiate in tutta la mia vita. Con le verdure, con il prosciutto…ma vogliamo parlare della piadina con i sardoncini.

Unica e vera istituzione della romagna.

Un monumento gli dovrebbero fare.

E poi pensavo. Per i vagani c’è la piadina. Ci sarà pure per me!

Scopro così numerose marche di piadine tra cui alcune mi lasciano l’amaro in bocca. Alcune perchè dure come sassi altre perchè sono fatte con farine deglutinate.

Ottime per i celiaci. Ma per me? Per me no!

E allora… (nonstante qualche volta io ceda alla piadina deglutinata, magari quando sono fuori casa) mi dedico alla sperimentazione.

Questo sito, appena nato vede così l’alba di una nuova era.

QUELLA DELLA PIADINA SENZA GLUTINE AL GRANO SARACENO.

piadina-senza-glutine

Molto buona anche per i diabetici perchè ho deciso di usare appunto la farina di grano saraceno, che ha un basso indice glicemico.

Mi perdonino gli amanti più rigorosi della classica piadina ma questo è quello che posso mangiare.

E devo dire che è un buon mangiare.

Si..il RISULTATO FINALE VI SORPRENDERÁ!

Non ci credete? Beh…non vi resta che sperimentarlo da voi!

N.B. Lo stesso impasto lo potete tranquillamente usare anche per i cassoni che io per questa volta ho cotto al forno spenellando la superfice.

 

cassone

Cassone con base della piadina senza glutine al grano saraceno.

Cassone con base della piadina senza glutine al grano saraceno.