Ma che Natale è senza Panettone?

No…non è Natale.

C’è un problema però.

Se siamo ghiotti…ghiottissimi di panettone come facciamo? Si sa spesso gli ingredienti dei panettoni, soprattutto di quelli senza glutine, non sono un granchè e se durante il periodo di Dicembre non si tratta di mangiarlo solo a Natale, e Santo Stefano forse è il caso….

Il caso…di farlo con le nostre mani.

E tadannnnnnnn.

Io ci ho provato e riprovato. Perchè credetemi non è facile beccare le giuste dosi ma ecco che finalemte ci sono riuscita.

Un panettone buono, morbido e ben lievitato.

Ho cercato di alleggerirlo usando il burro chiarificato e usando mirtilli rossi essiccati e frutta secca al posto dei classici canditi.

Voi siete liberissimi ovviamente di farcirlo con quello che volete.

Anche le goccie di cioccolato per esempio 🙂

Grazie al lievito di birra riuscirete a farlo in una giornata.

Vi dico subito che io ho usato un cubetto e mezzo di lievito…un’enermità è vero ma ho evitato di usare tanto xantano e altri addensanti che non fanno molto bene alla salute.

Il panetto alla seconda lievitazione

Il panetto alla seconda lievitazione

Di Xantano infatti ne ho usati solo due cucchiaini. Mentre tendenzialmente se ne consiglia uno ogni 100 gr.

Cerco di usarne il meno possibile perchè nei soggetti allergici e asmatici lo xantano potrebbe dare fastidi.

panettone-sorgo

In più non ho utilizzato farine deglutinate che sono molto lavorate ma materie prime semplici tra cui la farina di Sorgo.

Io adoro questa farina, soprattutto nella sua versione integrale.

Già utilizzata anche per fare Hilary’s Pancake, di cui vi lascio il link. Cliccate nella foto qui sotto.

pancakes di sorgo

Spero che questa ricetta possa esservi utile che la facciate e che ne siate soddisfatti.

Se è così fatemelo sapere nei commenti e mandatemi le foto delle vostre creazioni.

Un grande abbraccio e già con il cuore vi auguro un…

Buon Natale a tutti!