Qualche tempo fa, guardando un programma tv, ho scoperto che la ricotta fatta in casa è di una semplicità assurda!

Il programma in questione era Little big Italy, non so se lo guardate, a me piace tantissimo, e a dirlo era uno spocchioso personal trainer antipaticissimo che però mi ha dato la bella idea di provare.

“Tutti sanno che per fare la ricotta bastano latte e limone…non ci vuole un genio!”

Diceva così il simpatico palestrato, eppure no, io non lo sapevo; ma secondo me, lui non sa che in realtà così non viene proprio la ricotta ma il primosale, la ricotta viene infatti fatta con lo scarto di questa lavorazione.

Per non complicare troppo le cose però, visto che non siamo dei casari, accontentiamoci di questa ricotta/primo sale e mettiamoci all’opera.

Limone o aceto

In realtà la ricotta si può fare sia con il succo di limone che con l’aceto di mele.


Con l’aceto di mele avrete una ricotta molto delicata che non sa assolutamente di limone.

Le quantità per  un litro di latte sono 20 gr di aceto di mele o 1/2 limone spremuto e filtrato.

Quale latte

Purtroppo in questo momento di quarantena reperire gli ingredienti che sono solita usare è un’impresa.

Io mangio pochissimi latticini, sia perché sono leggermente intollerante, sia per una questione etica e quando lo faccio sono molto attenta al latte che acquisto.

Voglio che sia biologico e proveniente da pascoli etici.

La ricotta comunque, al di là della qualità del latte è possibile farla sia con latte intero, scremato (viene più leggera), senza lattosio e per una versione vegan, anche con il latte di soia.

Per fare la ricotta cosa serve?

Allora per fare una ricotta carina, dalla forma caratteristica, occorre acquistare la fuscella.

Ma se non avete la fuscella e non avete intenzione di acquistarla potete fare come me, usare uno scolino, della garza di cotone o dei sacchetti per scolo ad uso alimentare e degli stampini.

Vi serviranno anche una casseruola e un mestolo di legno.

Se non avete intenzione di darle una forma, quindi ve la mangiate al naturale non tenete troppo la ricotta sullo scolino, soprattutto se in metallo, usate una garza.

Ricotta fatta in casa

Ricotta fatta in casa

Ricotta fatta in casa

Ricotta fatta in casa

Cosa fare con il siero in eccesso!

Ogni giorno di più capisco che lo spreco è una cosa che proprio non va bene!

In tutte le categorie ma soprattutto in quello alimentare! Ebbene…cosa fare con il siero rimasto dalla lavorazione del nostro formaggio?


Io ci ho fatto la besciamella con cui ho condito una bella pasta al forno! Essendo il siero leggermente acido, anche la besciamella viene leggermente acida, mangiata così si sente, ma se come me, ci farete una bella pasta al forno con le verdure, credetemi che non si sentirà assolutamente. Non abbinate questa besciamella al pomodoro però, che essendo già acido potrebbe far risaltare ancora di più il grado di acidità.

Prediligete verdure come broccoli o zucchine, molto basiche che smorzeranno l’effetto.

Per farla ho seguito il normale procedimento della besciamella aggiungendo 70 gr di burro chiarificato, perfetto anche l’olio di oliva, e 70 gr di farina di riso.

E ora, non vedo l’ora di vedere la vostra ricotta fatta in casa! Buon divertimento.

A cura di Laura Roselli

Nb. Le parole in grassetto sottolineate contengono dei link ad altre ricette o ingredienti, cliccateci sopra per scoprirle.