Risotto allo zafferano e fiori di zucca!


Amato, amato, amatissimo risotto. Credo che sia uno dei piatti più raffinati della cucina italiana e di sicuro è il mio preferito.

Per quante versioni voi vogliate realizzare, con le zucchine, con gli asparagi, semplice e con il formaggio, vegan, vegetariano, con la salsiccia e tutto il ben di Dio su questo pianeta…il vero risotto deve essere cremoso! Denso! Non scotto.

Per questo quando cuociamo il risotto non dobbiamo mai staccare lo sguardo dalla pentola, o meglio, controlliamo spesso per evitare che si attacchi.


C’è riso e riso!

Sono tante le tipologie di riso che tradizionalmente viene utilizzato per fare il risotto, tra queste non rientra il riso integrale, ma è proprio quello che ho voluto utilizzare io per questa ricetta!

Il risultato è più rustico ma sano, ricco di fibre e di facile digestione! Di sicuro deve essere cotto con molta cura e lasciato in ammollo per cuocere il riso in meno tempo e tostarlo ad inizio cottura per evitare che i chicchi si rompano.

Il risotto viene comunque cremoso, ma per renderlo cremoso quanto quello con il riso bianco possiamo usare un piccolo stratagemma: della farina di riso, meglio se integrale, oppure degli amidi naturali come la fecola di patate o meglio ancora della tapioca.Risotto allo zafferano e fiori di zucca-vegan-

Senza lattosio!

Nel risotto tradizionale c’è tanto lattosio, tra burro e formaggio, ogni tanto lo preparo usando burro chiarificato (senza lattosio) e formaggio grana stagionato 30 mesi (anche questo con piccolissime tracce di lattosio) ma… amandolo molto e preparandolo spesso ho pensato anche ad una versione leggera, che posso mangiare in tranquillità e che soprattutto sia buona e anche cruelity free!

Il grasso che ho utilizzato è semplicemente olio di oliva extra vergine, anche per la mantecatura e per il soffritto iniziale.

Zafferano!

Zafferano in pistilli? Zafferano in bustine? Non ci vuole un genio per capire che quello in pistilli è superiore rispetto all’altro ma se non volete spendere una cifra più che abbondante per un primo fatto in casa, allora è meglio la bustina.

Attenti comunque alla qualità perché le bustine che costano pochissimo potrebbero includere tra i loro ingredienti altri coloranti.

Se decidete di usare quello in pistilli vi consiglio di metterlo in ammollo molte ore prima, anche la sera prima se lo preparate a mezzogiorno! Sprigionerà un colore e un odore fantastico!

Ora basta con tutte queste chiacchiere…vi lascio alla ricetta di questo risotto allo zafferano e fiori di zucca e come sempre vi auguro buon appetito.

 

A cura di Laura Roselli