Gola del Furlo e dintorni.

Ciao e Benvenuti su sano bio gluten free…

Questo è un bel ricordo autunnale, una delle stagioni che più amo. Quando le campagne si tingono di colori meravigliosi, quasi a sembrare la tavolozza di un pittore, una vera magia…


Ma autunno è anche tartufo…e allora venite con noi per uno spensierato week-end nelle Marche che sono tra l’altro una delle mie regioni preferite. Il territorio è ancora abbastanza incontaminato, le persone allegre e gioviali.

20140927_104642
Dove abbiamo alloggiato?

B&B Arzilla appena fuori Fano.
I lavori in corso nel giardino rendevano l’ambiente non tanto confortevole ma una volta terminato credo sarà meraviglioso. La stanza è molto particolare (stanza gialla) , tutta con mattoni a vista, lampadario con pendenti e letto in ferro battuto molto carino. Non c’è armadio ma una vetrina in legno massello usata come cassettiera. Nel complesso è gradevole ma ah ah ah il bagno è suddiviso dalla stanza solo da un muro in cartongesso alto appena due metri.letto
Quindi qualunque cosa voi facciate in bagno si sente in tutta la stanza… alla faccia dell’intimità personale!!!! Tutto molto pulito!
La colazione è composta da caffè, brioche e della deliziosa frutta del loro orto. Simpatici i proprietari!

La Gola del Furlo…

Ma siamo qui per immergerci nella natura incontaminata e allora via alla Gola del Furlo.

Questa Gola divide i monti Pietralata e Paganuccio, una vera e propria riserva di fossili e di vegetazione. Qui è possibile fare diversi percorsi a piedi in mezzo al verde e fermarsi al rifugio a 700 metri sul Paganuccio. Angoli suggestivi con tanto tanto ossigeno.


Edicole votive per i viandanti

Edicole votive per i viandanti

Nel periodo in cui siamo stati la strada era chiusa per caduta massi (e ancora oggi credo sia in via di ripristino), ma abbiamo comunque potuto fare una gradevole passeggiata a piedi. Anzi la strada era tutta per noi e i ciclisti. Il paesaggio che toglie il fiato e la storia (qui sono passati per primi etruschi e romani) rendono questo posto magico. L’acqua pulita e azzurra della diga rigenerano anche le anime più provate e ci si può lasciare andare camminando ed eliminando tutti i pensieri superflui.furlo
In ogni dove crescono colorati ciclamini di montagna. E se siete fortunati alzando il naso all’insù potrete vedere la regina di questi luoghi…l’aquila reale! È anche possibile osservare il suo nido sulle pareti rocciose del Paganuccio, perennemente ripreso dall’occhio indiscreto di una telecamera.

20140927_101957

Mangiando…

E dopo tutto questo, con la fame che si fa sentire la direzione è obbligatoria Acqualagna…la capitale del Tartufo! acqualagnaRiconosciuta come tale per via della sua tradizione secolare di ricerca e produzione del tartufo, in particolare di quello bianco, il più pregiato.
Ci fermiamo al ristorante “Il Tartufo”, proprio nel centro di questo piccolo paese che ha saputo tenersi vivo grazie a questo meraviglioso frutto dei boschi.gnocchipassatelli
Frittatina come antipasto e gnocchi e passatelli come primi …ovviamente tutto al tartufo nero. DA LECCARSI I BAFFI! Il ristorantino è delizioso, rustico e tipico di questi posti. Il servizio veloce e cortese.

uova con tartufoCamminando esplorando…

E’ obbligatoria anche una passeggiata nei dintorni… noi siamo stati a Piobbico, praticamente tre vie, divertente la scritta del paese sulla collina alla maniera hollywoodiana, tanto che è stata da noi ribattezzata PIOBBICWOOD! Qui tanti vengono a fare le terme, infatti è presente una sorgente fluorata.

Fano…una serata romantica!

La sera è obbligatoria una bella passeggiata a Fano..con aperitivo e cena in uno dei deliziosi ristorantini del centro…MA PRENOTATE O NON MANGERETE NULLA! Eleganti e molto vintage i cittadini di questa storica città, molto curata e gradevole, sono ospitali e accoglienti. A questa bellissima città ricca di storia e di cultura dedicheremo un capitolo a parte, tantissime infatti sono le cose da scrivere! Camminando la sera per questa città illuminata, con le sue strade di mattoni e i vicoli suggestivi e antichi, capirete di essere in una città romantica e bellissima.

Ma in queste zone, credetemi, ogni angolo è un piccolo paradiso e tanti sono i piccoli paesi che vi invito a visitare. Un salto indietro nel tempo!

Il Furlo mi è rimasto nel cuore e ancora oggi se chiudo gli occhi e ricordo le acque della sua gola mi sento in paradiso.

20140927_104615

Non vedo l’ora di tonare…magari in estate per fare i vari percorsi di questo parco respirando aria buona e concedendomi momenti solo per me.

Un abbraccio a tutti.

Se questo articolo vi è piaciuto lasciate un mi piace e condividete

Se avete luoghi da visitare in questa zona fateci sapere lasciando un commento o scrivendomi in contatti.

Seguitemi anche su Facebook: Sano Bio e Gluten Free, instagram: sano_glutenfree  twitter @GlutenfreeSano  e su GOOGLE +


1 Comment
Claudia

2 Febbraio 2016 @ 14:04

Reply

Hai descritto una delle zone che noi amiamo di più. Abbiamo scorrazzato in lungo e in largo per i borghi limitrofi e, ovviamente, allo stesso Furlo; senza tralasciare cittadine ed eremi. L’ultima uscita, domenica scorsa, nella vicina Apecchio. Montefeltro meraviglioso… ci dona una marea di itinerari da seguire in qualsiasi stagione, con qualsivoglia mezzo di trasporto: uno scrigno!
Claudia B.

Lascia un Commento

* Richiesta informativa sui propri dati personali

*

Accetto

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

author
Di Sano Bio e Gluten Free
Le ultime ricette
Tofu croccante
Mousse al cioccolato vegan-con acqua faba-
Ciccio pancake vegan!
Gli ultimi articoli

Realizzazione siti web SH Web - 2019