Pére Lachaise e Montmartre

Ciao e benvenuti su Golosi Viaggiatori…

Tra i tanti motivi per cui qualcuno può decidere di visitare Parigi…senza dubbio vi è Montmartre, uno dei luoghi più turistici e affollati della città; ma anche Pére Lachaise il cimitero monumentale che conserva le spoglie di alcuni degli artisti più noti e famosi. Credo uno dei più celebri al mondo.
E quindi ecco dedicata una giornata a questi due punti topici.

parigi5

Il cimitero di Pére Lachaise è emozionante di suo, con tombe monumentali gigantesche e con i suoi corvi grandi e maestosi che gracchiano appollaiati in ogni dove. Era esattamente come me lo aspettavo,cupo, imponente e veramente esteso.

parigi3

All’ingresso troverete una signora che vende mappe …è veramente molto molto grande quindi vi consiglio di prenderla.Costa, se non ricordo male, due euro.
Non vi dico che emozione poter salutare Modigliani, uno dei miei pittori preferiti o vedere dove riposa Oscar Wilde. Mi sono seduta a pensare a tutti quei momenti unici e irripetibili nei quali leggevo i suoi romanzi, mi commuovevo o ridevo fino alle lacrime.parigi4
La cosa incredibile è l’affetto che ancora in tantissimi dimostrano portando lettere e pupazzi. Tanto affetto, che sono stati costretti a recintare la tomba di Wilde con del vetro, perché le ragazze si ostinavano a lasciare tracce di rossetto.

parigi
Vi consiglio di andare nel sito e documentarvi per scegliere chi volete salutare, perché rischiereste di perdere ore a girare per i vialetti. E salutando Picasso, Chopin, Rossini non dovete mancare un saluto a Jim Morrison dove troverete tanti braccialetti legati alla recinzione della tomba e vi potrebbe capitare di imbattervi in ragazzi che si mettono a cantare, chitarra alla mano, le sue canzoni.

parigi2
Commovente anche la tomba di Modigliani e Jeanne, piccola e anonima nella zona ebraica del cimitero, potreste avere qualche difficoltà a trovarla perché è leggermente nascosta e non nelle prime file. Leggete la loro storia se ancora non la conoscete.

Attenzione. Il quartiere attorno, e la fermata della metro non mi hanno fatto una bellissima impressione e ho deciso di risalire in metro evitando di esplorare i dintorni.

Ma passiamo a qualcosa di decisamente più allegro… Montmarte!

parigi6

E così dai luoghi in cui questi grandi riposano passiamo a quelli in cui hanno vissuto gioito e sofferto.

Scendendo dalla metro mi sono trovata immersa in una miriade di localini, venditori di ogni tipo e giocatori con i bicchierini che ti fanno impazzire.parigi7
Prima di arrivare davanti alla scalinata del Sacro Cuore troverete di tutto e di più! Forse troppo! Non farete due passi senza essere sbatacchiati in ogni dove e fermati da qualche venditore ambulante. Ma l’arrivo ne vale la pena.
Bianca e luccicante si staglia su Parigi la basilica. BELLISSIMA! Per i più pigri c’è la funivia ma nessuno secondo me deve perdersi l’emozione di quella salita e di fermarsi e sedere nel prato godendosi una vista su Parigi che toglie il fiato! Immancabile il mimo, e la fortuna ha voluto che quel giorno ci fosse anche un matrimonio. Cosa potevo desiderare di più romantico?
E mentre l’interno non è artisticamente molto rilevante, i vialetti a sinistra sono spettacolari.Mi sono realmente persa tra le vie e tra  locali graziosissimi e bistrot. Ovviamente non ho potuto evitare di farmi fare il ritratto da un artista di strada. Contrattate sul prezzo mi raccomando, loro sparano alto. 🙂

Io ho avuto la fortuna di imbattermi in un artista che parlava benissimo l’italiano e che mi ha voluto raccontare la sua vita, tra viaggi, arte e quell’aria molto retrò dell’artista di strada vero. me

Vi consiglio anche di andare al museo di Dalì, dove si possono ammirare statue, disegni, acquarelli e varie opere dell’artista più esuberante che abbia toccato Parigi. Prendete l’audioguida!

parigi8

E alla fine vi consiglio di fermarvi per cena e magari gustarvi un buon piatto  e inebriarvi di vino francese, rigorosamente rosso e bello forte.
Poi lasciatevi andare come me…fermatevi ad ammirare Parigi la notte, da questa visuale straordinaria e sentirete la nostalgia di Parigi, come me mentre ero qui a vederla e toccarla. Perché Parigi è così…o la ami o la odi! E se la ami ti manca anche mentre ci sei!cre

E così commossa da questa giornata e felice come non mai mi sono avviata verso casa da una delle scalinate laterali, quelle con i lampioni al centro…mi sembrava di volare indietro nel tempo, ai meravigliosi anni venti, mentre la torre Eiffel si illuminava e lanciava i suoi fari nella notte.

Avete presente “Midnight in Paris”?

Tornare indietro agli anni più sfrenati e luccicanti di Parigi…forse quel periodo non è ancora finito, e non finirà di certo per colpa del terrorismo.

Arrivederci Montmartre…

Se questo articolo vi è piaciuto lasciate un mi piace e condividete!
E commentate, se ci siete stati o se vorreste andare. E’ bello condividere le proprie esperienze! No?

Un abbraccio di cuore a tutti voi e alla prossima


Lascia un Commento

* Richiesta informativa sui propri dati personali

*

Accetto

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

author
Di Sano Bio e Gluten Free
Le ultime ricette
Insalata di patate dolci e sgombro
Pasta al grano saraceno e fagioli cannellini
Porridge di quinoa -vegan, gluten free-
Gli ultimi articoli

Realizzazione siti web SH Web - 2019